Piena del Ticino e erosione delle sponde

La piena dei giorni scorsi – che ha raggiunto i 1450 mc/sec (per fare un confronto nel 2000 erano stati 2600 ) – è stata in grado di riattivare ed aggravare i fenomeni di erosione presenti lungo il corso del fiume. In molti casi ciò è avvenuto là dove c’erano già delle difese spondali che, nel tempo, sono state erose dal fiume, ma mai manutenute e ripristinate a dovere.

Il caso più eclatante è avvenuto tra Robecchetto e Castelletto di Cuggiono dove il Ticino negli ultimi 20 anni è riuscito prima ad aggirare la difesa e poi ad erodere la riva alta mangiandosi boschi, campi coltivati ed il sentiero di fronte alla Cascina Gallarate : un fenomento in corso da tempo ma che ha avuto una forte accelerazione proprio in questi giorni.

Come intervenire per porre rimedio alla situazione?

Qui il comunicato del Coordinamento Salviamo il Ticino

Aderiscono al Coordinamento Salviamo il Ticino
Per l’talia : Amici del Ticino, Associazione 5 agosto 1991, Bicipace, Canoa Club Milano,Cus Pavia A.s.d., Ecoistituto della Valle del Ticino, Kajak Team Turbigo, Legambiente Circoli di : Cassano Magnago,Gallarate, Il Pioppo Ovest Ticino Novara, Ticino Turbigo – Per la Svizzera : Associazione per un Piano di Magadino a Misura d’Uomo