da OresteM

RIMANDATA A DATA DA DESTINARSI Cena per Mediterranea Saving Humans

Febbraio 12, 2020 in News da OresteM

VENERDI’ 28 FEBBRAIO, ORE 19:30, presso la COOPERATIVA RINASCITA VIA NOVARA 2 ABBIATEGRASSO

Interverrà CECILIA STRADA.

– Mediterranea da piattaforma composta dalle varie realtà che l’hanno fatta nascere nell’ottobre 2018, si è finalmente data una veste giuridica ed è diventata un’ Associazione (https://mediterranearescue.org/news/mediterranea-diventa-associazione-tesseramento/).

– le nostre imbarcazioni sequestrate nell’autunno 2019 possono finalmente ritornare in mare nel Mediterraneo centrale (https://mediterranearescue.org/news/mare-jonio-libera/)

– Si torna a pattugliare il Mediterraneo centrale, denunciare la violazione dei diritti umani dei migranti e, soprattutto, cercare di salvare più naufraghi possibile.

Ora che la “Mare Jonio e la “Alex” sono state dissequestrate è partita una campagna di raccolta fondi per poterle rimettere in mare. I costi della logistica, l’acquisto delle attrezzature di soccorso, il carburante, gli apparati di comunicazione, gli stipendi  del personale marittimo e la barca di supporto ammontano a circa 100.000 €.

Per dare un contributo a questa campagna di raccolta fondi ,assieme alle  Associazioni culturali A-Rahma di Abbiategrasso e l’Albero del Riccio di S. Stefano Ticino, il Comitato Intercomunale per la Pace di Sedriano, ACLI, ANPI e l’Ecoistituto della Valle del Ticino, stiamo organizzando una cena a sostegno di Mediterranea che avrà luogo

Prezzi: adulti 18 €, ragazzi da 7 a 11 anni 12 €, bambini gratuito.

Prenotazione obbligatoria entro martedì 25 febbraio.

Menù e altre informazioni sono visibili sulla locandina allegata.

Vi  aspettiamo in tanti!

GRAZIE!

da OresteM

Serum in cinq col Belunin

Febbraio 11, 2020 in News da OresteM

Questa pièce teatrale, proposta dalla Compagnia dell’Armadillo, verrà eseguita sabato 22 febbraio alle 21 presso l’auditorium Paccagnini di Castano primo. Intende rappresentare la tragica vicenda dei giovani Partigiani di Rho, trucidati più di 75 anni fa alla frazione Padregnana di Robecchetto con Induno dai militi fascisti.

L’iniziativa è promossa dalle Sezioni ANPI del Castanese
d’intesa con la Sezione ANPI di Rho col Patrocinio dei Comuni di Castano Primo, Robecchetto con Induno, Rho, Casorezzo, Arconate, Vanzaghello, Magnago, Inveruno, Buscate, Cuggiono

Qui la locandina

Qui la targa che abbiamo posizionato alla Padregnana

da OresteM

La mafia al Nord – Incontro con Nando Dalla Chiesa

Febbraio 11, 2020 in News da OresteM

Mercoledì 19 febbraio ore 21 le Radici e le Ali via San Rocco 48 – Cuggiono

Era la cosa più difficile da pensare Eppure ha trovato spazio nella corruzione, nella finanza d’avventura e nell’individualismo. Com’è stato possibile? Come va rivista l’interpretazione del fenomeno mafioso?

Ne parleremo con Nando Dalla Chiesa
professore ordinario di Sociologia della criminalità organizzata presso la facoltà di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Milano e con Federica Cabras dottoranda in Studi sulla criminalità organizzata presso l’Università degli Studi di Milano. Il volume ROSSO MAFIA edito da Bompiani che hanno scritto insieme spiega in dettaglio l’argomento.

Questo incontro di mercoledì 19 febbraio, organizzato dal comitato Genitori, dall’associazione Impastato Castelli, Ecoistituto, La memoria del mondo, ACLI e ANPI, chiude un ciclo di attività nelle scuole: la Settimana della Legalità  dove gli studenti delle classi terze hanno avuto l’opportunità di approfondire il tema della lotta alla mafia. Venerdì 14 febbraio ore 21 verrà inoltre proiettato il film A mano disarmata, con l’intervento del giornalista Alessandro Boldrini presso l’oratorio di Cuggiono dove saranno esposti i lavori realizzati dagli studenti.

Locandina

Vedi la registrazione video

da OresteM

Ma è fatto al computer!!!

Febbraio 2, 2020 in News da OresteM

Una mostra di digital art assolutamente da non perdere presso le Radici e le Ali via San Rocco 48 Cuggiono

Apertura domenica 9/2/2020 alle ore 16 (con aperitivo finale) e reading  experience con Federico Donadoni.
Mostra aperta dalle 16 alle 18 su prenotazione fino a domenica 16/2 quando verrà chiusa con un laboratorio esperienziale.
Per info marco@madonadoni.it – 335455676

L’orientamento alle arti figurative (disegno, pittura, fotografia, grafica) si esplicita in Marco Alberto Donadoni -al di là delle canoniche manifestazioni adolescenziali- quando comincia a lavorare negli anni ottanta nell’ambito dell’editoria ludica.

Mentre fa l’inventore di giochi per International Team, casa editrice in cui elabora i meccanismi di alcuni dei prodotti ludici più famosi in quegli anni a livello nazionale ed internazionale*, impara anche cosa vuol dire immagine e sviluppo artistico da maestri della grafica, come Massimo Petrini, e del disegno come Enea Riboldi, Silvio Cadelo e Mauro Moretti.

Da autodidatta comincia a fotografare ed elaborare digitalmente negli anni ’90, studiando e frequentando mostre relative alla scuola della pop art americana, nello specifico soprattutto Warhol, Hopper e Lichtenstein, e interessandosi al surrealismo europeo di Magritte, De Chirico e Dalì. E già che c’è butta un occhio anche al mondo del dadaismo, da cui cerca di mutuare soprattutto il concetto di collage fra immagini e parole.

Dal 2015 insegna alla scuola del Centro Sperimentale di Cinematografia, sede di Milano.

Attivo membro di diverse associazioni cuggionssi, Ecoistituto della valle del Ticino, associazione artistica Occhio, il Parco di Alessandro Annoni, ha partecipato ad una serie di mostre collettive e ad un paio di personali, la più importante delle quali è stata quella del 2019 nell’Alexander Museum Hotel di Pesaro, sempre in ottica di consapevole dilettantismo tipico del suo approccio a un po’ tutta la vita.

Il 9 febbraio esporrà, presso  “Le radici e le Ali” (già chiesa di Santa Maria in Braida) di Cuggiono, una trentina di opere in una mostra dal titolo “MA E’ FATTO AL COMPUTER!”.

Titolo mutuato dal fatto che molti visitatori, avvicinandosi ai suoi lavori di elaborazione in arte digitale stampati su tela, inizialmente li immaginano dipinti con tecniche analogiche (pennello, spatola e colori) e quando si accorgono che in realtà non è così restano sovente perplessi. Come se il mouse e la colorazione digitale fossero strumenti che si muovono da soli sul pad o sulla tavoletta elettronica, un po’ alla pilota/pittore automatico, e quindi il prodotto fosse per questo meno apprezzabile dell’artigianale uso di matita e pennello di cinghiale.

Al fine di cercare di smontare questo pregiudizio, l’autore terrà alle 17 del giorno 9 febbraio una breve presentazione di come si sviluppa un’opera in digital art (o per lo meno delle sue), durante la quale,  per non farsi mancare nulla di “poco convenzionale”, si farà aiutare da uno dei suoi figli, Federico, contrabbassista classico e jazz e autore di testi semipoetici,  già protagonista di diversi contest di reading un po’ in tutta Italia (il reading è un’attività di teatro-poesia in cui questa abbraccia altre forme d’arte, si contamina ed esce dalla pagina stampata, spesso in modo anche divertente: avete presente il poeta catartico di Zelig?)

MA E’ FATTO AL COMPUTER!

Presso LE RADICI E LE ALI 

via S.Rocco  48, 20012 Cuggiono MI

Apertura 9 /2/2020 dalle ore 16 (con aperitivo finale) e reading  experience con Federico Donadoni

Chiusura con laboratorio esperienziale il 16/2/2020

In settimana aperto dalle 16 alle 18 se possibile su prenotazione

Per info marco@madonadoni.it – 335455676

da gestore

Calendario appuntamenti

Febbraio 1, 2020 in News da gestore

Data            Ore    Località                       Evento

14/07/2020, 08:30, Ponte Ticino Galliate, Big Jump nel Ticino