da OresteM

I biglietti vincenti della sottoscrizione a premi della 28a Festa del Solstizio d’ Estate

Giugno 29, 2019 in News da OresteM

Qui l’elenco dei biglietti estratti

da OresteM

28a FESTA DEL SOLSTIZIO D’ESTATE

Giugno 14, 2019 in News da OresteM

21-22-23 giugno – Villa Annoni – Cuggiono.

Eccoci alla 28a edizione!

La “prima” di questa festa risale al 1992, volevamo far emergere quanto di interessante si muoveva nella società civile di quei giorni. E di cose da dire ce n’erano.

Ma non solo questo era nelle nostre intenzioni. Volevamo anche far conoscere i magnifici spazi di Villa Annoni e del suo parco, il più grande della Lombardia dopo quello di Monza, un luogo allora del tutto sconosciuto ai più. Un luogo da riscoprire e valorizzare.

Era quello il periodo della grande mobilitazione del territorio contro la progettata discarica alla cava Sant’Antonio di Buscate, alla quale noi, che allora non ci chiamavamo ancora Ecoistituto, ma Comitato difesa ambientale Cuggiono – Castelletto, partecipavamo attivamente.

Nacque fin da allora, impostata su tre giorni, come iniziativa autogestita, nei quali si susseguirono incontri, convegni, musica, animazioni per bambini… Sul territorio una cosa del tutto nuova che andava ben al di là della formula ballo liscio e salamino ma univa tanti aspetti del vivere un territorio e stare insieme. Un modo nuovo di fare festa che registrò da subito una grande partecipazione di cittadini di ogni età.

Fu un successo inaspettato, conquistato sul campo, malgrado i tanti bastoni tra le ruote della burocrazia comunale e dei partiti di allora, peraltro in forte crisi (eravamo in piena tangentopoli).

Ma il successo della prima edizione creò un punto di non ritorno di una manifestazione, che dimostrava che le cose si potevano fare diversamente, dal basso, in modo partecipato, ricco di contenuti.

Ed eccoci alla 28a edizione.
Sarà un piacere potervi incontrare.

Qui la locandina

Qui il programma

Qui un breve filmato di una precedente edizione

da OresteM

L & L … o della Luna

Giugno 4, 2019 in News da OresteM

Sabato 15 giugno con inizio alle 21,30 nel Parco di Villa Annoni a Cuggiono, una serata di particolare fascino con la luna piena che terrà compagnia alla lectio magistralis del professor Corrado Marsan , e ai notturni eseguiti dalla pianista Lavinia Pizzo.

Ecco le tre L: Leonardo, Leopardi e la Luna in un lungo viaggio fra arte, poesia e scienza, cui quest’anno rimandano due momenti esemplari, i 500 anni dalla morte di Leonardo, i 200 della stesura de “l’Infinito” per non parlare dei cinquant’anni da quando, all’alba del 21 luglio 1969, sulla Luna abbiamo messo il piede.

Cinque secoli fa, il 2 maggio 1519, moriva in Francia Leonardo da Vinci, a sessantasette anni. Con la Luna aveva avuto non poco a che fare. Suo, ad esempio, il primo disegno che la riguarda (1510, Codice Leicester) e sua l’identificazione della cosiddetta luce cinerea, quando, a cavallo del novilunio, oltre alla sottile falce splendente, si scorge l’altra parte della Luna, tenuamente illuminata in grigio-cenere da raggi solari riflessi dalla Terra.

O mia diletta luna, invocherà Leopardi che a Recanati, tre secoli dopo aprirà con L’infinito l’intimismo lirico degli Idilli. Un infinito che non indaga come Leonardo, ma da cui si lascia avvolgere nello spazio e nel tempo. E la Luna gli sarà compagna fedele, confidente e specchio che coglie e riflette la dimensione esistenziale.

A parlare di queste tre “L” e del loro rapportarsi, reduce dalle aperture delle celebrazioni leonardesche, a Firenze, Vinci e Londra, verrà dal capoluogo toscano, dove vive e insegna da sempre, lo storico dell’arte Corrado Marsan, che, guarda il caso, è però nato nelle Marche a un tiro di schioppo da Recanati.     

Lo accompagnerà la bravissima Lavinia Pizzo con le sonate e i notturni per pianoforte dedicati alla luna.

Una serata speciale, assolutamente da non perdere, organizzata da Ecoistituto in collaborazione col Museo Civico, il gruppo artistico Occhio, le Guide culturali locali e i Lions Naviglio Grande con il patrocinio del Comune di Cuggiono.

Qui la locandina