da OresteM

Quaderni per pensare

Gennaio 10, 2019 in News da OresteM

N. 1 Migrazioni e Europa.

Questo quaderno monografico, 24 pagine di riflessioni a tutto campo, nasce dalla volontà delle nostre associazioni,  di far sentire una voce diversa rispetto alla costruzione dell’odio e dell’indifferenza – non solo nei confronti dei profughi e di chi li sostiene, ma anche nei confronti delle stesse leggi e convenzioni che sanciscono il dovere di solidarietà. Indicano la necessità di una resistenza culturale a questo imbarbarimento di pensiero e di comportamenti.

Migranti e profughi sono diventati l’oggetto di una sperimentazione di limitazione di libertà e diritti, che investe progressivamente anche l’insieme dei cittadini europei. Inevitabile conseguenza la progressiva trasformazione dell’Europa in fortezza chiusa, con aumento dell’autoritarismo, dell’ esclusione, a partire da quella parte di popolazione, impoverita e marginalizzata da una crisi che si protrae da più di un decennio.

Questi sono i motivi che ci hanno spinto a offrire queste riflessioni, certamente scomode, ma che riteniamo doverose.

Il quaderno può essere richiesto alle associazioni che ne hanno promosso la pubblicazione: ACLI Magentino Abbiatense – Cerro Maggiore – Cuggiono – ANPI Arconate- Inveruno Cuggiono – Castano Primo – Samarate – Turbigo -Vanzaghello – ARTELIER Milano, Cerro Maggiore – Associazione 5 agosto 1991, Buscate – Associazione Culturale Articolonove, Rescaldina – CARITAS Decanato di Castano Primo – Comitato intercomunale per la Pace del Magentino – Cooperativa LULE Onlus – Legambiente Ticino, Turbigo – Medicina Democratica Onlus – Ecoistituto della Valle del Ticino – I Numantini, Legnano – Picabu Abbiategrasso –

Qui puoi vedere il quaderno

P.S. “I quaderni per pensare” vorrebbero avere una cadenza semestrale, impostati in modo monografico su temi di particolare attualità. Il prossimo lo vorremmo dedicare ai cambiamenti climatici, tema tanto attuale e drammatico per le sue future ricadute, anche a breve, quanto sottovalutato dalle scelte reali dei governi e delle forze politiche.

da OresteM

La Shoah, i drammi del Novecento e quelli di oggi

Gennaio 10, 2019 in News da OresteM

Giovedì 31 gennaio ore 21, presso le Radici e le Ali, via San Rocco 48 Cuggiono, Un incontro col pittore Vincenzo Gornati e con Don Franco Roggiani coordinatore delle Caritas del decanato di Castano Primo. Una riflessione plurale sulla “banalità del male” di ieri e di oggi.

Organizza ECOISTITUTO della valle del Ticino, CARITAS, ACLI, ANPI

Vedi locandina

da OresteM

Che non ci sono poteri buoni. Il pensiero (anche) anarchico di Fabrizio De André

Gennaio 10, 2019 in News da OresteM

Venerdì 25 gennaio ore 21 a Le Radici e le Ali via San Rocco 48 – Cuggiono

Luciano Mastellari, già docente alla scuola teatrale Paolo Grassi di Milano, intervista Paolo Finzi, amico storico di Fabrizio De Andrè, curatore del libro “Che non ci sono poteri buoni” che verrà presentato durante la serata.

Il libro si occupa del suo pensiero in modo plurale, riprendendo il meglio degli articoli, saggi e interviste, dialoghi che affrontano le mille questioni di cui Fabrizio si è occupato: carcere, ipocrisia piccolo-borghese, popoli nativi, zingari, maggioranze e minoranze, prostitute, guerra…

Perchè ancora oggi, a distanza di venti anni dalla morte, il suo pensiero si conferma uno scrigno, una cassetta degli attrezzi preziosa per coloro che vogliano riflettere, sognare, ma anche cercare di incamminarsi verso un mondo migliore.

Una serata speciale, assolutamente da non perdere.

Organizza: Ecoistituto della Valle del Ticino, Associazione culturale Equilibri, ACLI, ANPI, Officina Giovani.

Qui la locandina

da OresteM

Se questo è un uomo

Gennaio 10, 2019 in News da OresteM

Mostra di quadri sulla Shoah del pittore Vincenzo Gornati

Dal 20 gennaio al 3 febbraio dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18 nei giorni festivi e prefestivi presso Le Radici e le Ali (già chiesa di Santa Maria in Braida) via S. Rocco 48 – Cuggiono

Queste otto tavole rappresentano lo sguardo inorridito davanti alla disumanità : quando l’uomo non riconosce più se stesso nell’altro, perché diverso, quando la coscienza e l’etica collettiva supera ed oscura quella personale; il sentirsi deresponsabilizzati, scusati e giustificati dentro il pensiero unico e l’agire comune: “Ho eseguito degli ordini”.

Ma sono anche testimonianza di come, pur dentro al male assoluto e alla banalità del male, l’uomo sa essere dignitosamente umano, quell’umanità di uomo che nessun lager può distruggere, né allora, né mai.

Vincenzo Gornati, nato a Ossona (MI) nel 1944, vive ed opera a Vimodrone. L’artista realizza le sue opere lavorando principalmente su tele di grandi dimensioni, privilegiando l’acrilico. Autodidatta, attualmente si ispira alle forme e alla creatività di Emilio Tadini, alla simbolica di Marc Chagall, alla poetica e spiritualità di David Maria Turoldo, ma soprattutto alla fantasia creatrice dei bambini.

Le opere di “Se questo è un uomo” sono gentilmente concesse dal comune di Ossona.

da OresteM

FORUM associazione LAUDATO SI’ Una alleanza per il clima, la terra, la giustizia sociale

Gennaio 10, 2019 in News da OresteM

Sabato 19 gennaio 2019, dalle ore 9.30 alle ore 17.30, nella Sala delle conferenze di Palazzo Reale a Milano.

Scopo del forum è aprire un tavolo di lavoro sulle tematiche dell’enciclica, articolato come un orizzonte di impegni da assumere per colmare un vuoto sempre più drammatico: nessun manifesto ecologico e politico è infatti così completo, capace di comprendere la dimensione della giustizia sociale, del rispetto dei diritti, della cura della casa comune e del vivente, nella consapevolezza dell’urgenza di una pratica di resistenza culturale, educativa e comunicativa.

Al forum prenderanno parte intellettuali, sindacalisti, attivisti impegnati nella difesa del clima, dell’ambiente, della pace, del lavoro, dei diritti umani, dell’accoglienza di profughi e migranti che hanno sottoscritto la lettera-appello costitutiva dell’associazione Laudato si’: da Donatella di Cesare e Francesco Remotti ad Aldo Bonomi e Luca Zevi, da Massimo Scalia e Karl Ludwig Schibel a Lisa Clark e Antonio De Lellis, dalla segretaria nazionale della FIOM Francesca Re David a Luigi Manconi, Raniero la Valle, Alessandra Ballerini e Riccardo Gatti.

Saranno presenti esponenti di numerose associazioni provenienti da tutta Italia. L’impegno che verrà preso è costituire, sui cardini della Laudato si’ – ambiente, clima, pace, migrazione, accoglienza, lavoro, giustizia sociale, contrasto della povertà, cura della casa comune, tutela del vivente – i rispettivi gruppi tematici che elaboreranno, entro la fine di febbraio, i punti di una carta d’impegni condivisa, nella consapevolezza dell’urgenza di una pratica di resistenza culturale, educativa e comunicativa.

L’intervento conclusivo sarà affidato a don Virginio Colmegna presidente della Casa della Carità e cofondatore dell’associazione Laudato si’.

L’iniziativa è co-promossa dal gruppo consiliare Milano in Comune, con la partecipazione di Casa della carità, Osservatorio Solidarietà, Associazione Diritti e Frontiere (ADIF), CostituzioneBeniComuni, Energia Felice, Ecoistituto della Valle del Ticino.

Vedi programma

da OresteM

I MACCHIAIOLI

Gennaio 10, 2019 in News da OresteM

Arte italiana verso la modernità.

Venerdì 18 gennaio, ore 21 , presso Le RADICI E LE ALI (già chiesa di Santa Maria in Braida) via San Rocco 48 – Cuggiono.

Conversazione con Donatella Tronelli, in preparazione della visita alla mostra che si tiene a Torino alla Galleria di Arte Moderna.

Qui la locandina