Pubblicati gli atti del convegno: EMIGRAZIONE LOMBARDA una storia da riscoprire

ottobre 7, 2018 in Migrazione, News da OresteM

 Il 13 e 14 novembre 2015 si era tenuto a Cuggiono questo convegno  che aveva visto la partecipazione di docenti universitari e ricercatori locali provenienti da tutta la Lombardia.

 Gli obiettivi dell’incontro erano piuttosto impegnativi. Innanzitutto la volontà  di confrontare la ricerca presso le facoltà di Storia delle Università Lombarde con quello degli studiosi in loco. Vale a dire mettere in rete la speculazione “alta” ma spesso confinata in contesto accademico con l’approccio per così dire “micro”, ma non meno essenziale delle indagini sul territorio, anche a partire dagli ambiti familiari.

Altro obiettivo sollevare la necessità che anche in Lombardia potesse sorgere  un centro di documentazione sulla nostra emigrazione di respiro regionale  per il quale auspicavamo (e auspichiamo) la  realizzazione nella settecentesca Villa Annoni, sede del convegno.

Ma perché parlare di emigrazione lombarda? Magari per ricordarci che siamo stati una regione di emigranti, e lo siamo stati con grandi numeri e cominciammo anche prima delle regioni meridionali…

Nel corso degli anni ’60 dell’Ottocento iniziano le prime fughe dalla campagna. Ma non fuggono i contadini del Meridione d’Italia, bensì i coloni delle regioni del Nord; i lombardi – soprattutto – e in particolare quelli che risiedono nei distretti industriali, che potrebbero beneficiare delle nuove opportunità di lavoro.  Fuggono perché «la miseria progressiva» – spiega il medico samaratese Ercole Ferrario – è «se non la sola, certo la principale e più poderosa spinta all’emigrazione». Gli esodi suscitano stupore, ma sollevano anche costernate e rabbiose reazioni di proprietari ed esponenti politici. Valga per tutte l’interpellanza presentata in Parlamento nel gennaio 1868 da Ercole Lualdi, un industriale cotoniero di Busto Arsizio, il quale, ricordando le migliaia di contadini del suo collegio fuggiti in America, un fatto, a suo dire, dalle dimensioni «veramente rattristanti», richiama il Parlamento a non sottovalutare quegli espatri, perché – ammoniva – «questa gente se ne va piangendo e maledicendo ai signori e al governo»: e quelle grida – ribadiva – «sono terribili imprecazioni che contristano chiunque le oda».

Oggi sono finalmente disponibili gli Atti editi dall’Ecoistituto. Un volume che non può mancare tra le letture di chi cerca di capire il grande fenomeno migratorio che sopratutto a cavallo tra ottocento e novecento coinvolse la nostra Regione. 

300 pagine  € 20 – Per richieste info@ecoistitutoticino.org 3483515371

Qui la copertina del volume 

Atti del convegno – on line

 


 Sommario  del volume 

Un convegno, una rete, un progetto   – Ecoistituto della valle del Ticino

INTRODUZIONE
Lombardia, terra di Migranti – Patrizia Audenino 

Alcune tappe di un itinerario alla ricerca di un pezzo di storia dimenticata – Oreste Magni, Ernesto Milani

PARTENZE

Aspetti economici delle migrazioni – Pietro Cafaro

Emigrazione dall’alto Lario occidentale tra XV e XIX secolo – Rita Pellegrini

L’emigrazione Angerese e il caso Capronno – Luciano Besozzi

Da Buscate, Arconate, Inveruno. Tre ricerche sulla “Grande Migrazione” dal mandamento di Cuggiono

Lo sbarco dei Mille : Da Arconate alla Merica – Piera Colombo

Progetto “San Lui Mo” .Una storia di emigrazione dall’Alto Milanese – Guglielmo Gaviani

Il sogno del Nuovo Mondo – Mario Bollasina 

Emigrazione dalla Valchiavenna tra Cinque e Settecento – Guido Sacramellini

Voci di emigranti dal Basso Mantovano : dal diario di Giuseppe Negri e dalle lettere della Gazzetta di Mantova – Renzo Rabboni

Emigrazione e Immigrazione a Brebbia – Enrico Ferretti , Francesco Mainetti

ESPERIENZE E CONFLITTI POLITICI

Immaginare la patria futura. L’esilio politico nel Risorgimento – Gianfranco Galliani Cavenago

Banditi senza tregua andrem di terra in terra.
La vita degli altri: anarchici lombardi ed emigrazione tra Otto e Novecento – Maurizio Antonioli

Un caso di emigrazione politica. L’anarchico Sante Caserio – Gianluca Vagnarelli

Presenza di emigrati lombardi in Unione Sovietica – Francesca Gori

La società Umanitaria e il sostegno ai viandanti della disperazione. Dal Consorzio per l’Emigrazione Temporanea alla Casa degli Emigranti – Claudio A. Colombo, Daniele Vola

DESTINAZIONI

La curiosa storia dell’insediamento dei bresciani nella valle del Monongahela (Pensilvania Occidentale) -Pier Luigi Milani

L’emigrazione lombarda e piemontese in Argentina – Giancarlo Libert

Papa Francesco. Figlio di emigranti piemontesi e liguri – Giancarlo Libert

Emigranti verso un mondo nuovo – Chiara Cavelli

Cazzotti e nozze. Contadini tirolesi e lombardi in Brasile – Renzo M. Grosselli

I lombardi sul Titanic – Claudio Bossi 

Un episodio dell’immigrazione varesina in Canada : il disastro minerario di Hillcrest – Paola Viotto

Dante Cusi, un emigrato bresciano in Messico – Luigi Polo Friz

Alpini ed emigranti – Luigi Furia

Emigrazione verso l’Australia : un bergamasco chiamato Charlie – Luigi Furia

Breve storia dei migranti Albizzatesi – Alfonso Sabatino Annichiarico – Ernesto R Milani

PERCORSI DI RICERCA 

L’emigrazione valtellinese e Valchiavennasca all’estero nel divenire degli studi e delle ricerche – Bruno Ciapponi Landi 

Percorsi e caratteri dell’emigrazione lombarda nel mondo. Lo stato delle ricerche condotte dal Centro Studi Valle Imagna – Antonio Carminati 

Il ritorno alla Madre Terra – Lino Rezzaghi

Breve introduzione al sincretismo lessico-gastronomico italiano in Argentina – Sabatino Alfonso Annichiarico

L’emigrazione linguistica dal mandamento di Cuggiono a Saint Louis – Maria Ghiringhelli , Chris J. Stephens

ANALISI DEI PROCESSI MIGRATORI

Pensieri al ricordo delle nostre valige – Giuseppe Zois 

I nostri emigranti e le parole inutili – Giuseppe Zois 

La partecipazione dei vescovi Scalabrini e Bonomelli alle Esposizioni nazionali e universali – Mons. Gian Carlo Perego

Gli emigranti lombardi in Brasile e l’attività dei vescovi Bonomelli e Scalabrini -Matteo Sanfilippo

Un tempo il multiculturalismo mi piaceva – Luca Codignola Bo

——————————————————————————————————————————